Aumentano gli attacchi alle chiese in Irlanda del Nord

di Redazione, 29 agosto 2019

In tre anni in Irlanda del Nord sono stati registrati più di 400 crimini collegati ad atti vandalici ai danni di chiese cristiane. Ad essere colpite non sono solo i luoghi di culto della Chiesa Cattolica (religione maggioritaria nel paese) ma anche le chiese delle altre confessioni cristiane. È quanto emerge dal report di Care (Christian action research and education).

Circa un terzo dei 455 attacchi a chiese, cimiteri e luoghi adibiti al culto è avvenuta nella capitale, Belfast. Nonostante l’utilizzo del fuoco in alcuni casi, come nel gennaio 2017, quando la St Patrick's Church di Donegall Street (Belfast) è stata data alle fiamme, dal 2016 al 2019 gli attacchi non hanno portato ad alcun danno a persone. 

Eccezion fatta per la vandalizzazione di due chiese a ridosso del referendum sull’aborto di aprile 2018, il report di Care non si sofferma sulle cause di questi attacchi ma evidenzia soprattutto il modus operandi dei vandali: incendi, distruzione delle proprietà (porte, vetri e strumenti musicali), e graffiti.

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo su Facebook Twitter, sostieni Documentazione.info. Conosci il nostro servizio di Whatsapp e Telegram?