Povertà in Italia, nuovo record negativo

di Francesco D'Ugo, 27 giugno 2018
Secondo l'ultimo rapporto dell'Istat sulla povertà in Italia, nel 2017 si è registrato un nuovo record negativo. Infatti le stime dell'istituto di statistica dicono che abbiano vissuto in povertà assoluta 1 milione e 778 mila famiglie e in tutto 5 milioni e 58 mila individui.
 
Rispetto al 2016 ancora più poveri
Confrontando con l'anno precedente hanno vissuto in povertà assoluta sempre più famiglie e individui: il 6,9% delle famiglie, nel 2016 erano il 6,3%, e l’8,4% degli individui, dal 7,9%. Questo è un trend negativo che ha preso avvio nel 2005. Una parte di questa crescita negativa, riporta l'Istat, è da attribuirsi all’inflazione registrata nel 2017.
 
Famiglie giovani e numerose, le più povere
Il rapporto mostra anche come il livello di povertà assoluta sia minore nelle famiglie la cui persona di riferimento è più avanti negli anni: si vede infatti che il valore minimo, pari a 4,6%, lo si trova nei nuclei famigliari in cui la persona di riferimento ha più di 64 anni, quello massimo tra le famiglie quando la persona di riferimento ha meno di 35 anni (9,6%). 
 
I livelli di povertà assoluta, poi sono sempre molto elevati per le famiglie con cinque o più componenti (17,8%), soprattutto se coppie con tre o più figli (15,4%).
 
Le difficoltà delle famiglie straniere
Si confermano le difficoltà per le famiglie di soli stranieri: l’incidenza raggiunge il 34,5%, anche se con forti differenziazioni sul territorio (29,3% al Centro, 59,6% nel Mezzogiorno).
 
Povertà e minori
In proporzione la categoria che soffre maggiormente l'aumento di questo record negativo sono i minori, infatti a vivere in condizioni di povertà assoluta troviamo 1 milione 208mila (12,1%) di minorenni, valore che non scende sotto al 10% dal 2014. 
 
I numeri per le altre categorie non sono comunque incoraggianti: le donne sono 2 milioni 472mila (incidenza pari all’8,0%),i giovani di 18-34 anni 1 milione e 112mila (10,4%, valore più elevato dal 2005) e gli anziani 611mila (4,6%).
 
Se ti è piaciuto l'articolo condividilo su Facebook e Twitter, sostieni Documentazione.info