I cervelli in fuga costano al Sud 5 miliardi l’anno

di Francesco D'Ugo, 18 luglio 2018

I cervelli in fuga dal Sud al Nord costituiscono una spesa enorme per il Mezzogiorno. A dirlo è Gaetano Vecchione, ricercatore di Economia all’Università degli Studi di Napoli Federico II, che su opencalabria.com ha pubblicato un breve saggio in cui quantifica i costi che comporta la cosiddetta migrazione intellettuale interna al nostro Paese. 

Migrazione intellettuale: i numeri e i costi 

Nel 2016 i flussi migratori cosiddetti intellettuali hanno coinvolto complessivamente 104.000 persone e si possono suddividere tra Ante lauream (43.172 gli studenti coinvolti) e Post lauream (61mila persone coinvolte). Secondo il professor Vecchione, “il dato  è particolarmente significativo se confrontato con il numero di studenti che gli atenei del Sud hanno laureato nello stesso anno: circa 90.000 persone”.

Secondo le stime la migrazione intellettuale costerebbe al Mezzogiorno circa 5 miliardi all’anno tra mancati consumi privati e pubblici e spesa pubblica regionale investita in istruzione e non recuperata a causa della migrazione.

La soluzione alla migrazione intellettuale

La soluzione? Attrarre e non trattenere. Per Gaetano Vecchione il problema si può affrontare fornendo programmi formativi più attraenti e maggiormente spendibili a livello europeo per i giovani, ma anche incentivando programmi di ricerca al Sud o investimenti di aziende ed imprese. 

Per un approfondimento ulteriore sul tema, e consultare la bibliografia, è possibile leggere l’articolo integrale qui.