Azzardo, slot e lotterie: 1.500 euro la spesa pro capite

di Gianluigi Marsibilio, 10 aprile 2017

19.2 miliardi di euro. L’1 % del PIL nazionale. Sono i soldi spesi dagli italiani per alimentare la loro passione per le scommesse e il gioco d’azzardo. A finire nelle macchinette, e non solo, c’è una media di 1,5 miliardi al mese, oltre 4 milioni al giorno, quasi 170 mila euro l’ora, oltre 3000 euro al minuto.

Esistono report e statistiche compilate da enti come l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli o Agipronews, che si occupano di tenere sotto controllo i dati del gioco e delle scommesse nel nostro paese. Vediamo qualche cifra:

Per esempio nel solo mese di marzo e solo con le scommesse legate allo sport gli italiani hanno speso oltre 879 milioni di euro. Nel 2016 sono stati raccolti complessivamente 26,3 miliardi di euro dal business delle slot. In totale, tra scommesse, slot, giochi online, lotterie, etc. in Italia c’è un giro d’affari di 95 miliardi di euro.  

Per dare una stima: la spesa media per ogni italiano in azzardo e lotterie è di 1583 euro, quella per i libri è di 58 euro. Così come spendono quasi in lotterie poco meno che in cibo.

CHI SONO I GIOCATORI?

L’Istituto Superiore di Sanità aspetta un responso definitivo dalle indagini, ancora in corso, sulla ludopatia. La fotografia parziale è quella di un Paese in grado di segnare un +116% di entrate sulle lotterie telematiche e un lotto in crescita del 53,5%.

I profili dei giocatori, secondo i dati di Sistema Gioco Italia, sono vari: il 47% è indigente, l’86% dei cassa integrati si dedica alle scommesse e il 47,1% dei ragazzi tra i 15-19 anni riservano il loro tempo a uno o più giochi d’azzardo.

QUALI SONO I NUMERI DELLA LUDOPATIA IN ITALIA?

Le persone dipendenti dal gioco in Italia sono 790.000. Metà sono disoccupati, il 25% invece sono casalinghe. Poco meno invece i pensionati e i giovanissimi, tra cui 400.000 bambini tra i 7 e i 9 anni. A rischio di questa patologia invece sono 1.750.000 persone.  

Le infografiche sono riprese da L'Espresso.

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo su Facebook  e  Twitter, sostieni Documentazione.info