I giovani preferiscono l'amore al sesso

di Giovanni Vassallo, 23 gennaio 2012

L'idea che i ragazzi hanno oggi del sesso sembra essere senza via d'uscita. L'età dei primi rapporti è scesa fino alla preadolescenza e molti lamentano un'insanabile separazione tra l'amore e i rapporti sessuali. Ma è proprio così?

Da una recente inchiesta promossa dal settimanale Seventeen, intervistando 1200 ragazzi e ragazze tra i 15 e i 22 anni, vengono fuori alcuni dati interessanti sulla percezione che i giovani hanno del sesso.

Il 66% dei giovani preferisce avere una fidanzata piuttosto che avere rapporti sessuali, oltre al fatto che il 75% dei ragazzi afferma che preferirebbe aspettare e perdere la verginità con qualcuno che ama davvero.

Alla domanda "Cosa rende seria una relazione?" la maggioranza assoluta ha risposto "Il desiderio di stare con qualcuno e volere vedere un futuro insieme a lui", subito seguito (75%) da "Diventare esclusivo e non darsi a nessun altro", e solo il 34% "Fare sesso".

Molti (35%) hanno paura che il sesso cambierà le loro relazioni.

Il 73% dei ragazzi dice di avere più rispetto per le ragazze che dicono di no al sesso e una buona percentuale (il 56%) di essere "sollevato" quando le loro ragazze vogliono aspettare per avere rapporti sessuali.

Il 23% confessa di aver negato di essere vergine quando in realtà lo era, e di averlo fatto per apparire con una maggior esperienza sessuale.

La maggior parte dei ragazzi (78%) preferirebbe avere un partner che si distingua per intelligenza e simpatia più che per l'attrazione fisica.

È interessante affiancare questi dati a un'altra indagine curata dall'Università di Monaco attraverso l'analisi delle storie di 12.400 donne e uomini nell'arco di 14 anni, pubblicate recentemente dal settimanale tedesco Der Spiegel da cui viene fuori che nel rapporto di coppia il sesso è importante ma non è tutto, anzi è sopravvalutato.

Tra i punti chiari dell'indagine risulta che sono i valori e gli interessi comuni a far durare un'intesa e non è vera la teoria che "gli opposti si attraggono". Anche i figli sono importanti ma devono inserirsi armonicamente nel rapporto tra moglie e marito, così come le elucubrazioni psicanalitiche sul rapporto di coppia sono da evitare, meglio semplificare e non prendersi troppo sul serio al momento dei conflitti.

Una conclusione chiara, dunque, quella della ricerca tedesca: a tenere unita una coppia più che la passione è l’amicizia tra moglie e marito.